UNIVERSO IDROELETTRICO

Facciamo mea culpa. Volevamo occuparci, con un ragionamento più articolato, dell’universo A2A, società proprietaria degli impianti idroelettrici silani. Può darsi che ci ritorneremo nel prossimo numero. Riteniamo che A2A rappresenti una realtà economica rilevante sul territorio, che sfrutta il bene più importante che la comunità di Cotronei possiede, ovvero l’acqua, e come tale non può passare inosservata.
Intanto rileviamo la dinamicità dell’amministrazione comunale nel trovare accordi di cooperazione con A2A.
L’ultimo accordo sancito con deliberazione del Consiglio comunale n. 29 del 29.10.2020.
L’Amministrazione comunale aveva richiesto il risarcimento per danni da impatto ambientale generato da alcune componenti impiantistiche di A2A ormai in disuso in località Timpagrande-Chianette di Cotronei.
Gli incontri tra le parti hanno portato ad una soluzione transattiva.
In sintesi.
Il comune di Cotronei intasca il risarcimento nella somma di €. 1.500.000,00.
Non abbiamo compreso bene se A2A bonificherà gli impianti dismessi, tipo le vecchie selle di appoggio della condotta forzata a Chianette-Timpagrande. Perché se così non fosse, per i tempi a venire diventerà il comune di Cotronei responsabile dei danni da impatto ambientale. Elementare, Watson!
In ogni caso, A2A farà qualcosa finalizzato alla fruizione turistico-didattica dell’area, con impatti minimi sull’ambiente circostante; recupererà e smaltirà detriti-rifiuti siti in zona Chianette, abbondonati da terzi, per riqualificare le aree interessate. Forse la sporcizia che si trova sotto qualche pontino sulla strada per Chianette?
Il comune di Cotronei destinerà la somma di €. 1.500.000,00 nella realizzazione di un intervento sulla storia dell’idroelettrico attraverso la realizzazione di un ecomuseo interattivo, previsto nel redigendo Piano Strutturale Comunale (forse a fine legislatura arriva il PSC?); in ulteriori attività a beneficio del territorio, tra le quali miglioramento del decoro urbano, attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del territorio, interventi a sostegno delle famiglie in difficoltà e dell’emarginazione sociale, ecc.
Ci ritorniamo magari nel prossimo numero, come sarà importante capire una questione ancor più complessa e strategica per l’economia del crotonese e dell’intera regione.
Non si comprende l’evoluzione in Calabria per la regionalizzazione della proprietà delle opere idroelettriche, prevista nel DL Semplificazioni n. 135 del febbraio 2019.
Alcune regioni del Nord Italia hanno approvato specifiche proposte di legge. La stampa dava notizia dei benefici grazie all’idroelettrico, tipo la provincia di Sondrio che avrà energia gratis per tutto l’anno, oppure dell’operazione che vale circa 20 milioni all’anno per tutta la Lombardia.
È una questione troppo seria per la Calabria, non giustifica le disattenzioni.

 

Tratto da: Cotroneinforma n. 141

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.