Partono i referendum sociali: scuola pubblica, inceneritori, trivelle zero e beni comuni

COMUNICATO STAMPA

Referendum sociali, parte la raccolta firme.
Sabato e domenica banchetti in tutta Italia
su scuola, trivelle zero, inceneritori e beni comuni
Sabato 9 aprile conferenza stampa a Roma,
Via del Corso/Largo Goldoni ore 11:00

 

Quattro quesiti referendari contro la “cattiva scuola” del governo Renzi, due per salvare l’ambiente da trivelle e inceneritori e una petizione popolare per ritirare il decreto Madia, che prova di nuovo a privatizzare i servizi pubblici, nonostante l’esito del referendum 2011. Sono questi i temi su cui il movimento per la scuola, quello per l’acqua pubblica, la campagna contro ledevastazioni ambientali e per l’opzione zero delle trivelle e quello contro il piano nazionale inceneritori chiedono di dare la parola agli italiani.

Sabato 9 e domenica 10 aprile, centinaia di banchetti saranno allestiti in tutta Italia per raccogliere le firme necessarie per indire i referendum abrogativi e per presentare a Camera e Senato una petizione popolare contro il decreto Madia. Un movimento popolare per affermare che la scuola non può arretrare dal garantire il diritto universale all’istruzione, subordinandola ad una logica competitiva e di privatizzazione, che i beni comuni non possono soggiacere al primato del mercato e del profitto, che l’ambiente non può essere considerato solamente una “risorsa” da sfruttare, che la salute dei cittadini non può essere sacrificata sull’altare degli inceneritori.

In contemporanea con l’avvio della campagna si terranno iniziative pubbliche e incontri con i media in molte città d’Italia. La conferenza stampa di presentazione è convocata a Roma presso il banchetto di Via del Corso, altezza Largo Goldoni alle ore 11.

Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Movimento per la scuola pubblica

Campagna “Stop devastazioni”, per i diritti sociali ed ambientali

Comitato Sì Blocca Inceneritori

Rispondi