Programma Elettorale CambiAmo Cotronei

 

ELEZIONI AMMINISTRATIVE

COTRONEI (KR) 3-4 OTTOBRE 2021

 

 

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

 

Candidato a Sindaco

Avv. Francesco A. TEDESCO

 

 

 

La Lista CAMBIAMOCOTRONEI  contraddistinta dal simbolo “cerchio con sfondo alto a finire verso il basso di colore Blu con la scritta sul lato alto, lungo il cerchio, CAMBIAMOCOTRONEI di colore Verde-Bianco-Rosso e al centro, in campo bianco, nella parte alta, la scritta CENTRO DESTRA, in mezzo la  Bandiera Italiana e, nella parte bassa, la Scritta  Tedesco SINDACO”, si propone agli elettori per amministrare la nostra comunità con la candidatura a Sindaco di Francesco Antonio Tedesco, Avvocato, Dipendente della Regione Calabria e Uomo delle istituzioni a Tutto Tondo, avendo nelle stesse svolto vari e diversi ruoli di natura Politico-Amministrativo (più volte Consigliere Comunale e Assessore), Sindacale (RSU, RSA in Vari Enti) e come Dipendente Pubblico (con Varie Mansioni Direttive e Non, in Diversi Enti e Settori), conoscitore, dunque, dei meandri Amministrativi in tutte le sue complessità e sfaccettature, a cui si affianca una Squadra di Candidati Stimati ed Affermati, espressione di diversi ceti sociali, di varie competenze e professionalità, vogliosi di impegnarsi e mettersi in gioco, al fine di operare per il bene di Cotronei.

Dunque un insieme di Donne e di Uomini che guardano al futuro della Nostra Comunità con l’intento di scrivere una Nuova Pagina, di segnare una Diversa e Nuova Fase, capace di svelenire il clima pesante che si respira, bandendo qualsiasi forma di personalismo e di favoritismo, per creare Pari Opportunità per Tutti i Cittadini, senza distinzione alcuna, col solo metro delle Capacità e delle Competenze e Non già dell’Appartenenza.

Una Compagine Amministrativa, che vede impegnate diverse Persone, tutte protese a cambiare il destino, da anni in retrocessione, di Cotronei e che mettono in campo professionalità, intelligenze, sensibilità, passione, impegno politico e sociale, disponibilità al dialogo, propensione all’apertura e alla collaborazione ma anche la necessaria determinazione e il sufficiente coraggio per frenare e, se possibile debellare, certe derive politiche e sociali, purtroppo, ben presenti nella nostra comunità e per superare, finalmente e una volta per sempre, i vecchi schemi che finora l’hanno fatta da padrone, della diffidenza, del sospetto, del dileggio, del veto, dell’esclusione/inclusione sempre a convenienza e mai su base meritocratica e valoriale.

Un’amministrazione, pertanto, fatta di gente seria, umile, laboriosa, capace di cogliere, affrontare e vincere le sfide del prossimo futuro, adeguata a portare il nostro Paese al Ruolo che gli spetta e ad un riscatto non più procrastinabile, in virtù, unicamente ed esclusivamente, di una Nuova Visione e di un Nuovo Approccio al Bene Comune, alla Res Pubblica, unico e solo faro e guida per giungere alla realizzazione degli Obiettivi prefissati e per affermare un’azione di governo:

  • COLLABORATIVA, per accogliere spunti, suggerimenti, proposte, ecc.;
  • INTERATTIVA, per cogliere le reali esigenze ed aspettative della cittadinanza;
  • REALIZZATIVA, per garantire il reale raggiungimento degli obiettivi prefissati.

 

 

Dunque, NON PIU’ un Comune chiuso su stesso e tutto ripiegato in una sorta di cerchio magico, proteso ad escludere quanti non ne fanno parte e mai a far tesoro di esperienze “altre”, ancorchè positive e propositive, sebbene utili e necessarie alla comunità, quanto, invece, un Comune realmente capace di sfruttare e valorizzare il meglio che la nostra realtà offre a prescindere dalla provenienza e dalla collocazione politica.

Tutto ciò per migliorare la qualità della vita di tutti noi, per garantire una migliore e reale vita sociale e comunitaria in cui nessuno deve sentirsi escluso, consapevoli che beni così elevati si raggiungono, non a parole o con sterili proclami, ma attraverso il sacrificio e l’impegno di tutti, finalizzato a creare tolleranza, accoglienza, rispetto, benessere, legalità, ecc.

Siamo ben consapevoli che non sarà cosa facile e siamo altrettanto consapevoli che non è impossibile, che si può e si deve fare, innanzitutto ricomponendo le fratture esistenti, ricomponendo gli interessi in gioco, ristimolando gli attori in campo, ossia, le Forze Politiche, le Forze Sociali, la Chiesa, la Scuola, le Famiglie, gli Imprenditori, gli Artigiani, i Commercianti, i Professionisti, le Associazioni di Categoria, gli Ordini Professionali, i Singoli Cittadini, affinché Tutti Insieme si possa perseguire il Comune Interesse di una migliore e più adeguata esistenza per tutti noi.

Strumenti essenziali per addivenire a tutto ciò sono, sicuramente, l’impegno e l’abnegazione di tutti i soggetti attivi della nostra comunità ma, anche pratiche improntate alla Legalità, alla Trasparenza Amministrativa ecc.

Realizzeremo Tutto ciò attraverso vari strumenti e iniziative:

  • Consigli Comunali tenuti in giorni ed orari idonei a far partecipare quanti più cittadini possibili e Diretta Web degli stessi;
  • Consigli Comunali Aperti su Tematiche di interesse e portata generale, quali ad es. la redazione del Bilancio, le Scelte Ambientali, le Scelte Urbanistiche, le opzioni afferenti alla Partecipazione di eventuali Enti-Sub Comunali, ecc.;
  • Commissioni Consiliari, Commissioni Assessorili e Commissioni di Rione finalizzate a garantire forme ampie e differenti di partecipazione democratica alle scelte dell’amministrazione;
  • Sportello Amico e dell’Ascolto;
  • Ufficio di incubazione di idee e proposte;
  • Delegato di Governo a Trepidò;
  • Unione di Comuni;
  • Consigliere Comunale Comunitario Aggiunto;
  • Consigliere Comunale Extra Comunitario Aggiunto;
  • Giornata del Rione con Presenza nei vari Rioni di Cotronei degli Amministratori (Sindaco, Assessori, Consiglieri, Componenti di Commissione, ecc.) al fine di interagire con i Cittadini degli stessi sulle problematiche, sulle possibili iniziative ed opportunità, ecc. Dunque una Giornata con cadenza verosimilmente Semestrale dedicata ai nostri Rioni in cui è il Sindaco e l’Amministrazione che va dai Cittadini.

 

Il tutto per riappropriarci e vivere realmente il Territorio, Ascoltare le Istanze e le Esigenze  di chi lo vive quotidianamente e ne conosce pregi e difetti, punti di forza e debolezze, favorendo in tal modo una reale sinergia tra i vari protagonisti della nostra comunità, cioè tra Amministrati ed Amministratori al fine di annullare le distanze e le diffidenze e lavorare tutti insieme per costruire migliori condizioni sociali, culturali, economiche,  maggiori possibilità di accesso al mondo del lavoro, ai servizi essenziali,  all’integrazione e per combattere fenomeni emarginativi, di degrado sociale, ambientale di isolamento, ecc.

Al fine di rendere reali e concrete queste aspettative, abbiamo individuato 8=(Otto) Assi Strategici che sicuramente non sono totalmente esaustivi e per tanto sono aperti al contributo integrativo/migliorativo di quanti – Cittadini, Associazioni, Forze Politiche ecc. –  vorranno dare il loro contributo.

 

EFFICIENZA AMMINISTRATIVA

ASSETTO DEL TERRITORIO DECORO E RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA

RIQUALIFICAZIONE E TUTELA AMBIENTALE

AGRICOLTURA E OLIVICOLTURA

POLITICHE SOCIALI E DELL’ INCLUSIONE

TURISMO E PROMOZIONE DELLE NOSTRE BELLEZZE

CULTURA ED EVENTI CULTURALI

SPORT E TEMPO LIBERO

 

 

EFFICIENZA AMMINISTRATIVA

 

La primissima e più importante ricchezza di ogni Ente, di ogni Amministrazione Pubblica o Privata che sia, sono le Risorse Umane.

Ben consapevoli di ciò è nostra precisa intenzione puntare sul c.d. Personale stimolandolo, valorizzandolo e creando sinergie concrete, tra la crescita delle Performance dell’Ente e dunque delle Risposte e dei Servizi Offerti al Cittadino e la Crescita Umana, Formativa, Professionale del Personale Comunale di ogni grado e livello. Tutto ciò ben consapevoli che è necessario sperimentare nuove strategie e nuovi metodi di lavoro organizzati per team e per obiettivi, mettendo in campo azioni positive e propositive, capaci di coinvolgere e responsabilizzare al massimo tutto il Personale in forza all’Amministrazione nei diversi Settori e Servizi:

 

  • URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico:

                       Essenziale strumento per recepire e fornire informazioni immediate ai

cittadini che va migliorato e potenziato, anche nelle forme del servizio on-

line;

 

 

 

  • SUAP (Sportello Unico Attività Produttive):

Vero Strumento necessario ormai per quasi tutte le Attività Produttive e quindi per la Richiesta e il Rilascio dei Nulla Osta, delle Autorizzazioni, nonché per ottenere le Informazioni e l’Assistenza, eventualmente, necessaria per le varie Pratiche che, per ovvie ed evidenti ragioni, va migliorato e potenziato;

 

  • UFFICIO COMUNICAZIONE:

     In un mondo in cui la Comunicazione è sempre più importante e parte essenziale dello stesso, il Comune di Cotronei non può che adeguarsi, sia per poter rimanere al passo coi tempi e con la modernità, ma anche e soprattutto per avere un più diretto, immediato e tempestivo feedback con i cittadini, gli imprenditori, le associazioni, ecc. Da qui la necessaria ed opportuna istituzione di un apposito Ufficio Comunicazione, finalizzato a curare le Comunicazioni Istituzionali dell’Amministrazione Comunale, le Dirette Web dei Consigli Comunali e degli altri eventuali Organi Municipali (Sindaco, Assessori, Consiglieri Comunali, ecc.).

 

  • SOCIETA’ IN HOUSE (Società Cooperative, Società di Servizi, ecc.)

 Ovvero Strumenti che non disdegniamo di studiare, analizzare, approfondire e di condividere con i cittadini se in grado di migliorare la gestione dei vari servizi comunali (Acqua, Rifiuti, Servizi Cimiteriali, Illuminazione Pubblica, ecc.);

 

  • BILANCIO PARTECIPATO:

Al fine di rendere concreta la Partecipazione dal basso, realizzeremo il c.d. Bilancio Partecipato, che prima di essere uno strumento economico-contabile è soprattutto una forma di partecipazione diretta dei cittadini all’atto amministrativo principale e di maggior importanza del Comune.

 

  • UFFICIO DI INCUBAZIONE DI IDEE E PROPOSTE:

Riteniamo assolutamente necessario istituire un Ufficio destinato da un lato ad introitare le varie istanze, le varie idee, le varie esigenze ecc. dei cittadini e dall’altro a trasformarle in proposte progettuali finalizzate a reperire risorse e finanziamenti Regionali, Nazionali e Comunitari. Immaginiamo un Ufficio ampiamente partecipato da cittadini, da professionisti, da imprenditori, da maestranze varie, da giovani, ecc., tutti insieme, sinergicamente e collaborativamente protesi a creare le pre-condizioni progettuali per il rilancio della nostra comunità.   

 

 

  • UFFICIO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE:

   Riteniamo assolutamente necessario istituire un Ufficio, in collaborazione con i diretti interessati,  destinato da un lato, a sostenere le Attività Imprenditoriali Esistenti, raccogliendone le varie istanze, le varie riflessioni, le varie proposte e idee, per consentirci di poter creare le  migliori condizioni possibili per la loro operatività e, dall’altro, in virtù della loro esperienza e competenza, per favorire la realizzazione di Nuove Attività Imprenditoriale, magari, a conduzione Giovanile o Femminile.

 

  • CONSIGLIERE COMUNALE COMUNITARIO:

Considerato che, ormai da decenni, vivono, lavorano e operano numerosi Cittadini/e Comunitari, numerose Famiglie, sia Omogenee, cioè formate tra persone della stessa nazionalità, sia Eterogenee, cioè Miste, ossia formate dall’incontro di Persone di varie nazionalità e, considerato, soprattutto, che Tali Persone, ormai e per fortuna, sono, per la maggior parte ben integrate, forza lavoro attiva, risorse per gli asili e le scuole frequentate dai loro figli/e, ecc.,  cioè Cittadini/e Comunitari, con pari Diritti e Doveri di chiunque altro, la Normativa prevede la loro possibile Candidatura ed Elezione alla carica di Consigliere Comunale. Questo sarebbe il massimo ma, ove non dovesse trovare realizzazione in questa tornata elettorale, è nostro preciso impegno Istituire, nella prossima consiliatura, la Figura del Consigliere Comunale Comunitario Aggiunto, a sancire il giusto e doveroso riconoscimento della uguaglianza fra Tutti, a prescindere dalla provenienza anagrafica, provvedendo ai necessari adeguamenti Statutari e Regolamentari.

 

  • CONSIGLIERE COMUNALE EXTRA COMUNITARIO AGGIUNTO:

Stesso ed identico discorso va fatto per i numerosissimi Residenti che Non Sono Comunitari ma che provengono da Paesi Extra UE, seppure con qualche variante dettata dalla normativa. Considerato che, per tali Residenti Extra UE non è prevista la possibilità di Candidatura, né l’Elezione alla carica di Consigliere Comunale, è solo possibile, ed è nostro preciso impegno Istituire, nella prossima consiliatura, la Figura del Consigliere Comunale Extra Comunitario Aggiunto, a sancire il giusto e doveroso riconoscimento della uguaglianza fra Tutti, a prescindere dalla provenienza anagrafica, provvedendo ai necessari adeguamenti Statutari e Regolamentari.

 

  • UNIONE DI COMUNI:

                        È nostro intendimento accrescere le potenzialità della nostra comunità,

                 soprattutto in termini di ottimizzazione dei servizi e delle risorse disponibili

                 a beneficio di tutti i cittadini, guardando alle opportunità che la normativa  

                 nazionale e comunitaria ci offrono e, in questa logica, avviando processi di

                 respiro sub-comunale e di area vasta quali ad es. l’Unione di Comuni, per la

                 cui realizzazione impegneremo le nostre migliori energie e competenze.

 

  • DELEGAZIONE DI GOVERNO A TREPIDO’:

Insediamento nella Frazione di Trepidò di una “Delegazione di Governo” con un Consigliere Comunale con competenze e delega specifica alla “Questione Trepidò e della Montagna”, supportato dal necessario personale (amministrativo, vigili ecc.) e finalizzato al superamento dell’attuale stato di degrado e di abbandono, in sinergia con tutte le realtà economico – sociali che esistono, operano e vivono la nostra montagna.

 

 

 

ASSETTO DEL TERRITORIO DECORO E RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA

 

Il nostro Territorio, sia nella componente del centro abitato di Cotronei che della frazione di Trepidò, è in condizioni di degrado e di abbandono, caratterizzato da un manto stradale pieno di buche e di voragini, dalla sporcizia, dalla carenza di un adeguato arredo urbano, dall’esistenza approssimativa della segnaletica orizzontale e verticale e, soprattutto dalla confusione edilizia e fabbricativa. È necessario cambiare rotta e atteggiamento al fine di recuperare il recuperabile e valorizzare al massimo l’esistente, attraverso una programmazione, non più procrastinabile, nel cui ambito devono essere individuate le regole generali e gli indirizzi comuni.

 

  • PSC (PIANO STRUTTURALE COMUNALE):

Sempre promesso e mai realizzato dalle precedenti Amministrazioni Comunali, è lo strumento fondamentale ed essenziale per ridisegnare l’assetto del nostro territorio, da approvare senza se e senza ma, non già per prevedere una nuova grande espansione edificatoria, quanto piuttosto pochi nuovi insediamenti costruttivi con certificazione di classe A (idonei perciò a consentire risparmi energetici, ambientali, fiscali e manutentivi) e, soprattutto, nuovi insediamenti produttivi eco-rispettosi e ancor più interventi finalizzati al recupero dell’esistente, ad es. attraverso il livellamento delle Abitazioni più basse con quelle più alte del Centro Storico, favorendo la realizzazione di piccole mansarde che potrebbero dare, con investimenti non eccessivi, più superfice abitativa alle famiglie (ad es. una stanza studio, una zona gioco e/o relax, ecc.) e favorire il rilancio dell’edilizia e la ripresa dei nostri vari artigiani del settore (edili, fabbri, falegnami, tinteggiatori, ecc.)  :

  • Piano di Rilancio del Centro Storico:

La Gria, il Carmine, Suttataverna, sono i nuclei storici e di originario insediamento della nostra comunità. Ancorché in passato parzialmente oggetto di recupero urbanistico, sono comunque in stato di abbandono e degrado. Urge pertanto un nuovo decisivo intervento finalizzato:

  • Ad estendere il c.d. Piano Casa (Lex Berlusconi) che consente un aumento della volumetria e della cubatura del 20%, anche al Centro Storico;
  • a recuperare gli immobili ammalorati con facilitazioni, agevolazioni e incentivazioni (ad es. riduzione degli oneri e delle tasse per un certo numero di anni) per chi intende ristrutturarli e reimmetterli nel circuito abitativo;
  • a facilitare ed incentivare l’apertura al loro interno di attività artigianali, commerciali, ricettive (ad es. B&B ecc.), ristorative ecc.
  • a subentrare come Comune, intercettando idonei finanziamenti al riguardo, ai proprietari disinteressati per realizzare le ristrutturazioni possibili e offrirle come abitazioni a giovani coppia, a famiglie in difficoltà, ecc. a canoni di favore ad es. a patto di curare il decoro dell’arredo urbano e del verde che esisterà in tali zone;
  • Piano del Colore:

È innegabile che un immobile ben rifinito sia una ricchezza per tutta la comunità e non solo per chi lo abita, capace di rendere l’ambiente su cui esiste meno opprimente e più leggero. Dobbiamo lavorare affinché tutto ciò si espandi a macchia d’olio e riguardi quanti più immobili possibili, inserendoci come amministrazione comunale, con incentivi, riduzione di oneri e di tasse, ecc., là dove la normativa nazionale (che pure incentiva fortemente interventi di tale natura) non è, per varie ragioni, sempre legate alla precarietà regolamentare al riguardo delle amministrazioni precedenti, né sfruttabile e né utilizzabile.

  • Riqualificazione Urbana:

Al fine di dare al nostro territorio urbano, finalmente il senso del compiuto, realizzando il superamento della precarietà e del provvisorio ultra cinquantennale è necessario intervenire in moltissime zone del Paese e in particolar modo in Rioni come Piano Zingari, Mindrillo, Catoso, Favata e San Francesco, Case Popolari e, ovviamente in varie zone di Trepidò, realizzando aree attrezzate per i bambini con giochi e svaghi vari, aree di accoglienza per gli anziani con panchine e luoghi di incontro e di socialità, aree di parcheggio, aree verdi, marciapiedi, percorsi pedonali, piste ciclabili, ecc.

  • Realizzazione di Un Anfiteatro:

È nostro preciso intento Realizzare un Anfiteatro Comunale che oltre ad essere un’opera che contribuirà, soprattutto d’estate, alla programmazione e diffusione di iniziative culturali di vario tipo (Spettacoli Teatrali, Concerti, ecc.), sarà anche uno strumento di riqualificazione urbana del Rione in cui tale opera esisterà e verosimilmente del Rione Case Popolari/Caviale, considerata la sua centralità rispetto al tessuto urbano e, proprio per tale condizione, la sua facile raggiungibilità.

 

  • Ripristino delle Fontane Rionali:

È assolutamente necessario per una comunità che voglia dirsi moderna e accogliente dotarsi di aspetti minimi tali da rendere reale, concreta e tangibile tale accoglienza. Tra questi sicuramente il ripristino delle Fontane rionali che dovranno fornire acqua 24 ore no stop a beneficio dei cittadini, residenti e non ma anche degli animali di strada che, soprattutto, d’estate soffrono la penuria d’acqua.

  • Diurno (Bagni Pubblici):

Nell’ottica del Paese avanzato ed accogliente è necessario pensare anche ad un servizio di Bagni Pubblici, c.d. Diurno, al fine di garantire tali servizi ai residenti ma anche e soprattutto a chi viene da fuori.

  • Restyling di Piazza della Solidarietà:

Siamo assolutamente convinti che Piazza della solidarietà necessiti di un profondo restyling e di un recupero che la completi e la valorizzi maggiormente.

È nostra intenzione spostare la Meridiana sul lato opposto all’attuale e aprire l’ingresso Principale del Municipio sulla Piazza, ed è altresì nostra intenzione sopraelevare i locali commerciali della stessa (edicola, bar, ecc.). Tali nuovi locali, frutto della sopraelevazione, che avranno accesso da Via Vallone delle Pere, saranno destinati a sede dell’ AVIS, dell’ANTEAS, della CROCE ROSSA, dell’UNITALSI, dell’AIDO  ecc., ossia delle Associazioni Solidaristiche a carattere nazionale, fortemente presenti nella nostra comunità, la qual cosa, siamo convinti, oltre a dare pienezza di contenuti alla Piazza che si richiama, per l’appunto alla Solidarietà, risolveranno una volta per sempre la “questio” delle infiltrazioni d’ acqua e costi per il comune,  costituiranno un presidio permanente di altruismo e di vicinanza al prossimo nel pieno centro cittadino.   

  • Recupero e Valorizzazione dell’ex Fungaia:

Un’altra ferita  impressa al nostro territorio di cui non si può più non tenere conto facendo finta di nulla, essendo ,ora, solo un sito “amiantato” e di grande pericolo e, potenzialmente, da qui a brevissimo tempo, un luogo bonificato, risanato e sede di Insediamenti Scolastici, e/o  di Impianti Sportivi (“Centro Sportivo Prato” con Palazzetto dello Sport, Campi da Tennis, da Calcetto, da Pallavolo, Circuiti Pedonali e Ciclabili, ecc.), fruibili durante tutto l’anno vista la mitezza delle altitudini e del clima, a fungere da cerniera tra il centro abitato che è vicinissimo e facilmente raggiungibile e le Terme di Ponte Coniglio.

 

  • Terme di Ponte Coniglio:

Annoso e Irrisolto problema che si trascina da decenni, tanto da segnare anch’essa un’incompiuta, una lacerazione del territorio e una ferita per la comunità, che va affrontato con determinazione, equilibrio, lucidità  e risolto una volta per sempre.

  • Decoro Artistico Urbano:

È nostro intento dotare il centro abitato di Opere Artistiche di varia foggia e natura promuovendo incontri annuali di Artisti sotto forma di Mostra-Concorso e/o con altre modalità che gli operatori locali del settore vorranno suggerirci.

  • Lastra Monumentale Celebrativa dei Lavoratori Elettrici:

Una Comunità che mette da parte la propria Memoria Storica è una Comunità che non solo vive di un presente estemporaneo e inconsapevole ma è anche una Comunità che non ha Futuro. Al fine di scongiurare tutto ciò, è nostro preciso intento Ricordare e Celebrare i Tantissimi Lavoratori Elettrici Cotronellari attivandoci per l’Apposizione lungo il muro perimetrale dell’ex Scolastico (Attuale Asilo Comunale) lato C.so Garibaldi di una Lastra Monumentale Celebrativa che riporterà i nomi di Tutti coloro che hanno avuto e/o hanno un ruolo in questo importantissimo spaccato del nostro vissuto. Ognuno di Noi sarà chiamato a dare il proprio contributo al progetto, segnalando Nomi, Periodi di Lavoro ecc., di propri cari, di conoscenti, ecc. Ognuno di Noi dovrà sentirsi protagonista di quest’altro pezzo di memoria storica da ritrovare, perché ognuno di Noi, Tutte le Famiglie di Cotronei, chi più chi meno, siamo intrisi di questa realtà presente da quasi 100 anni. Un ruolo fondamentale sarà anche quello di Artisti e Maestranze eccelse che per fortuna a Cotronei abbiamo.  

  • Percorso Pedonale e Ciclabile Illuminato lungo la direttrice “Tre Valloni/Sant’Antonio”:

E’ nostra precisa intenzione lavorare per reperire le risorse economiche necessarie per realizzare tale Percorso Pedonale e Ciclabile, in modo da realizzare, non solo un’opera di recupero urbanistico-ambientale della zona ma, anche e soprattutto, un’opera idonea a mettere in sicurezza l’attività fisica e sportiva che moltissimi nostri concittadini praticano in tutte le stagioni dell’anno, grazie al clima mite, lungo la strada per Catanzaro nel tratto Spirito Santo/Tre Valloni/ Cappella Votiva in onore di Sant’Antonio. Percorso Pedonale e Ciclabile che potrà e dovrà essere duplicato anche altrove.

 

  • Viabilità Urbana ed Extraurbana Pesante:

Al fine di consentire alla nostra viabilità urbana una migliore fluidità e una maggiore sicurezza è assolutamente necessario dirottare il traffico non urbano, soprattutto pesante, fuori dal centro abitato, la qual cosa può avere realizzazione in due modi e cioè, realizzando la continuazione della Strada della Salute di collegamento Calusia-Trepidò, oppure realizzando una direttrice viaria di collegamento tra Contrada Cona e Località Torre, passando per Caviale.

La viabilità interna/esterna al Paese, non può più prescindere dal miglioramento e, in particolare, dall’allargamento delle due direttrici che tagliano la strada storica per Trepidò, consentendo notevoli risparmi di tempo e di inquinamento acustico-ambientale, ossia la Strada che da Mindrillo sale a destra interseca la Provinciale in località Mola e risale verso Trepidò, riallacciandosi alla Provinciale in zona Mola Superiore. Così come non è più rinviabile un adeguato e decongestionante collegamento tra il Centro Paese e la Mola attraverso la Carusa lungo il tracciato già esistente e tra il centro del Paese e la zona delle Case Popolari ATERP attraverso un collegamento tra le stesse e la zona di Palazzo Nicolazzo.

  • Riqualificazione dei Tre accessi al Centro Abitato:

Strettamente legata alla viabilità e decoro urbano è sicuramente la questione relativa alla riqualificazione dei Tre accessi al Centro Abitato:

1°) l’Accesso da Est verso il Paese ossia quello che ci collega alla SGC 107, tramite la Strada della Salute, versa in un inaccettabile stato di incuria e di abbandono pur avendo due richiami importanti per la storia della nostra comunità, ossia le Turbina Elettrica proveniente dagli Impianti Idroelettrici celebrativa della nostra tradizione in questo importantissimo settore e la Fontana Celebrativa della Realizzazione della Strada della Salute donata dal costruttore della stessa, il compianto Cav. Salvatore Baffa, artefice della trasformazione di Cotronei in Paese della Salute, dotato di Centri diagnostici e Terapeutici di Altissimo Livello. Entrambe saranno immediatamente ristrutturate e celebrate con idonee ed adeguate Stele Commemorative che ne richiameranno funzioni e finalità;

2°) l’Accesso da Sud, ossia quello che ci collega a Catanzaro che è totalmente privo di Decoro ed è altrettanto abbandonato e infestato da erbacce, sarà dotato di Apposito Monumento Celebrativo del Socio-Assistenzialismo visto che da lì, grazie al nostro compianto Parroco Mons. Cesare Oliveti, è partita l’Accoglienza e la Socialità-Assistenziale, vanto ed orgoglio di Cotronei.

3°) l’Accesso da Ovest, ossia quello che ci collega con Trepidò, anch’esso totalmente privo di Decoro ed abbandonato a se stesso, invece, ospiterà un Monumento Celebrativo delle nostre tradizioni Agricole e specificatamente Olivicole attraverso la sistemazione di un Monumento Rappresentativo e verosimilmente di una Mola per la Molitura delle Olive

  • Cimitero:

Risoluzione definitiva dell’ormai trentennale problema dei Loculi al 4°, 5° e 6° Piano delle Cappelle Comuni, da sempre oggetto di contestazione e di rifiuto da parte dei cittadini che non accettano di vedere il proprio congiunto così in alto e quasi inavvicinabile. Problema questo, che impatta con sentimenti tanto delicati quanto profondi, ed in momenti cruciali dell’esistenza dei parenti stretti del caro estinto, che spesso, per come si sente vociare, viene risolto con un…………. “non Ti preoccupare è solo provvisorio, non appena sarà costruita una Nuova Cappella o si renderanno disponibili altri Loculi, il Tuo Caro sarà spostato…….…!!! Dissepoltura dei Defunti di più vecchia data e collocamento degli stessi in Ossario, per far posto ai c.d. “Provvisori” dei Loculi al 4°, 5° e 6° Piano delle Cappelle Comuni, in totale spregio della pietas e della memoria storica attraverso lapidi marmoree dei primi anni del secolo scorso, laddove, una lapide datata non è solo una vecchia lapide, un vecchio pezzo di marmo ma un pezzo di storia.

È nostro preciso intento procedere all’ampliamento del Cimitero, costruendo le c.d. Cappelle Comuni a 6 Piani in tipologia da 3 Piani più 3, nel senso che sopra il 3° Piano Inferiore correrà una balconata coperta per accedere tramite rampa di scale agli altri 3 Piani Superiori, in modo tale che ciascun defunto troverà allocazione e riposo eterno, sempre e comunque in un Loculo posto max al 3° Piano. Saranno altresì predisposte aree per la realizzazione di Cappelle Private. Nel segno della riacquisizione della nostra memoria storica collettiva recupereremo anche la Vecchia Scritta posta sopra il Cancello d’Ingresso, ricollocandovela:

“Uomo a che pensi…!!! Al mondo non ti affezionare, pensa che un giorno…, qui dovrai venire a riposare.”

 

 

 

 

DECORO RIQUALIFICAZIONE E TUTELA AMBIENTALE

 

La Tutela dell’Ambiente, da intendere sia come salvaguardia del Patrimonio Naturale, sia come conservazione della Biodiversità, ma anche, come Riqualificazione e Rigenerazione dei danni provocati e delle ferite inferte dall’eccessiva e/o errata antropizzazione, stante le notevolissime risorse naturalistiche di cui il nostro territorio è ricco, non può che essere uno dei principali assi di interesse e uno dei punti maggiormente caratterizzanti del nostro programma amministrativo. Il Tutto attraverso varie e molteplici azioni che intendiamo intraprendere:

  • Potenziamento del Verde:

Una Cittadina che possa dirsi ad elevata qualità della vita, ecocompatibile, a misura d’ uomo e soprattutto di bambini e anziani, è, senz’altro, una Cittadina in cui il Verde e gli Spazi Pubblici Green la fanno da padroni. Convinti che una Cittadina più Verde, sia non solo più bella, più pulita ed accogliente ma anche più a misura d’uomo, più inclusiva e a più elevata qualità della vita per i residenti, oltre che più attrattiva per i non residenti, riteniamo di  dover estendere gli spazi verdi nel centro urbano e soprattutto nelle realtà più periferiche, magari affidandone la cura e la gestione direttamente ai cittadini di quel Rione, nel solco delle politiche attiva dal basso, dell’ inclusione, della collaborazione, ecc.

  • Tutela dell’Ambiente e Creazione di Sentieri Naturalistici Extra-Urbani:

Dobbiamo, quantomeno, proteggere e conservare il nostro patrimonio ambientale e paesaggistico e lavorare per migliorare le nostre unicità e tutelare il nostro territorio e garantendone la messa in sicurezza, in modo da prevenire ed evitare dissesti idrogeologici, frane, incendi, inquinamento. È nostro preciso intento favorire una maggiore consapevolezza della ricchezza ambientale che abbiamo e una vera e propria cultura dell’ambiente, anche attraverso il coinvolgimento delle Associazioni che promuovono questi valori, con interventi mirati nelle scuole a favore degli alunni, a favore degli anziani, a beneficio dei cittadini in genere, non solo e non tanto teorici, quanto pratici e concreti, ad es.  attraverso la Riscoperta e la Valorizzazione di Sentieri Naturalistici Extra Urbani, da utilizzare come veri e propri Sentieri Didattici, praticabili durante tutto l’anno, considerata la loro vicinanza al centro abitato e il clima mite (ad es, Gratti/Tacina oppure Prato/Terme Ponte Coniglio, ecc.)

  • Tutela della Montagna

Tutelare la nostra Montagna, la nostra Sila, è un imperativo. Il nostro Territorio Comunale è per il 56,4% Montano e tale Territorio ricade per intero nel perimetro del Parco Nazionale della Sila. Pertanto ha un’importanza assolutamente strategica, che va conservato, protetto e migliorato, sicuramente con attività di controllo del Territorio, nelle quali un ruolo importantissimo lo giocano le Autorità Preposte, le Associazioni Ambientalistiche, le Guide Naturalistiche del Parco, ma anche favorendo attività ed insediamenti eco-compatibili ed  eco-sostenibili, in grado, anche di assicurare, con la loro presenza, la protezione dell’ambiente e di garantire la sicurezza del territorio, in modo da prevenire ed evitare dissesti idrogeologici, frane, incendi, disboscamenti selvaggi, inquinamento, ecc. Accanto a ciò, ovviamente, in sinergia con gli altri Attori della Montagna, ossia Ente Parco, Associazioni, Operatori Turistici, ecc., promuoveremo la realizzazione, oltre che di Tagli del Bosco non solo mirati ma anche a condizione di una Ripiantumazione Adeguata, Oasi Ecologiche, Sentieri Naturalistici (in gran parte già esistenti e frequentati), anche di un Campo Scuola della Montagna Permanente. Altro importantissimo aspetto è sicuramente quello di rivalorizzare il notevole patrimonio abitativo di Trepidò, favorendo la presenza di residenti temporanei, soprattutto anziani anche in tempi di bassa stagione, così come va rivalorizzato il ruolo dei nostri Ristoratori e Albergatori, con i quali dobbiamo oltre che ampliare le presenza, soprattutto allungare le stagioni turistiche, pensando a pacchetti per  Settimane Sportive (periodi Maggio/Giugno e Agosto/Settembre) con Tornei di Caratura Nazionale per Giovanissimi (Calcio, Pallavolo, Tennis, ecc.) al cui seguito si muovono genitori, nonni, zii, ecc., a collaborazioni con i Gruppi che potranno visitare le istituende Vie dell’Olio, Museo dell’Olio di Oliva, ecc., con intercettazione del segmento delle Gite Scolastiche e della Convegnistica (rispettivamente in Aprile e Ottobre) ecc.

  • Questione “ACQUA”:

La mancanza dell’Acqua è un problema annoso e mai risolto che si trascina da oltre 40 anni. Se solo facessimo un semplice calcolo di quanto ogni singola famiglia di Cotronei ha dovuto spendere per serbatoi, pompe elettriche e costi energetici per attivarli in modo da avere l’acqua corrente (negataci dal Comune per incapacità di accumulo e redistribuzione), si supera di gran lunga 1 ML di €uro. Il Danno e la Beffa… Un bel “Danno” per ciascun famiglia e per la collettività tutta. Noi, partendo dalla consapevolezza che l’acqua oltre che un bene primario ed essenziale è anche, in quanto tale, un bene da salvaguardare e da “utilizzare” accuratamente e con parsimonia. Considerato che a Cotronei non c’è un problema di carenza idrica …. la “Beffa”…, è assolutamente necessario debellare gli abusivismi di ogni genere, intercettare e sistemare le perdite sulle condutture e soprattutto provvedere a risolvere la questione dello sbilanciamento della ripartizione dell’acqua disponibile a svantaggio del centro abitato e a tutto vantaggio delle utenze dei Villaggi di Trepidò. Ovviamente, non è una guerra tra Centro e Frazione, come pure l’Amministrazione Uscente vorrebbe far credere, quanto piuttosto la prova provata dell’incapacità della Stessa che non ha mai eseguito i lavori necessari per sopperire e risolvere tale problema, consistenti nella messa in esercizio di ben 3 Serbatoi, come suggerito da Sorical fin dal 2018, costruiti con fondi pubblici e mai entrati in funzione, per servire adeguatamente tutta l’area di Trepidò e liberare, in tal modo, oltre 30 litri di acqua al secondo, attualmente spillati dalla rete di adduzione a beneficio di Trepidò (sufficienti a soddisfare una ulteriore popolazione di 5 mila abitanti) per dirottarli verso  Cotronei Centro. Dunque non un problema di carenza dell’Acqua ma di assoluta incapacità gestionale. Noi assumiamo formale impegno affinché tutto ciò abbia una fine immediata e risolutiva per Cotronei Centro e per Trepidò, mettendo in esercizio i 3 Serbatoi, già costruiti con fondi pubblici e mai entrati in funzione, ed effettuando tutte le verifiche e i controlli necessari, atti a prevenire gli abusivismi di ogni genere e ad intercettare e sistemare le perdite sulle adduttrici. Lavoreremo altresì, per reperire i Finanziamenti e i Fondi necessari, nel quadro di questo rinnovato slancio verso il risparmio delle fonti naturali, tra cui principalmente l’acqua, per addivenire ad un ammodernamento della Rete Idrica, in moltissimi tratti vecchia di 60/70 anni, condizione, questa, necessaria per garantire un servizio più efficiente e capace di non interrompere il flusso idrico, nelle nostre case, come invece è avvenuto in tutti questi anni ed avviene ancora adesso, con grave disagio e danno per i cittadini, ma, anche, condizione, per ottenere un risparmio significativo sul costo dell’acqua e sulle nostre bollette.    

  • Delocalizzazione dell’Impianto di Compostaggio:

Opera meritoria sotto il profilo delle finalità perché punta e realizza riciclo dai RSU Organici che, non andando in discarica, riducono fortemente gli impatti ambientali e i costi di conferimento con notevole risparmio per il Comune che avrebbe dovuto trasformarsi in risparmio sulle bollette dei cittadini, ma di ciò non si ha nessuna traccia.  Altro aspetto encomiabile è quello relativo all’occupazione e alla creazione di posti di lavoro. Assolutamente da bocciare, invece, è la scelta dell’allocazione, troppo a ridosso della Strada Provinciale e troppo vicina all’abitato che soffrono dei fastidiosissimi e maleodoranti olezzi, inevitabilmente prodotti dalla decomposizione organica.

Sicché, è nostra precisa intenzione lavorare per una soluzione che salvaguardi tutti gli interessi in gioco e cioè sia quelli imprenditoriali, sia quelli dei cittadini, puntando ad una delocalizzazione dell’ impianto in questione in un sito più adeguato  e di minor impatto olfattivo e visivo, considerato che siamo sulla  Strada della Salute che è la strada di collegamento con SGC 107 – Terme di Ponte Coniglio – Comune di Cotronei  – Trepidò e dunque Strada Cerniere oltre che verso il Nostro Centro Abitato, anche verso i Principali Centri del Benessere (Terme, Cliniche, Case di Cura) e del Turismo (Trepidò, Sila) che , ci sembra il minimo, vanno salvaguardati e tutelati, per lo meno, in egual misura all’Impianto di Compostaggio.  

 

 

AGRICOLTURA E CULTURA DELL’OLIO

 

            Quando a Cotronei parliamo di Agricoltura è gioco forza parlare di Colture Olivicole e di Olio, atteso che l’Olivicoltura va oltre il 90% della superficie territoriale destinata ad attività agricole. Dunque è di Olivicoltura e di Olio che dobbiamo occuparci, favorendone il miglioramento e il potenziamento qualitativo, mettendo in campo azione ed iniziative concrete atte a favorirne la coltivazione ma, anche e soprattutto, la riscoperta culturale di questo straordinario spaccato, senza tralasciare, ovviamente, le altre componenti, seppur minime, di questa mondo, ovvero le piccole colture ortalizie, spesso connesse a piccoli allevamenti di animali, a conduzione familiare e, importantissime, perché realizzative e/o integrative del reddito di tali famiglie, ecc..

  • Viabilità e Strade Poderali:

Di fondamentale e primaria importanza per lo sviluppo qualitativo della Olivicoltura è una buona Viabilità e un eccellente Rete di Strade Poderali. Senza di ciò si fanno solo parole…… È nostro preciso impegno intercettare i finanziamenti necessari perché simili interventi non siano più ridotti a semplici aggiustamenti di buche e/o di appezzamenti di terreno mirati, ma finalizzati a dare legittima soddisfazione a quanti, soprattutto piccoli produttori, non riescono a raggiungere agevolmente le loro proprietà olivetate, con notevoli danni economici e sociali.

 

 

  • Vasche di Accumulo dell’Acqua ad uso Irriguo:

È nostro preciso impegno favorire, ovviamente di concerto con gli altri Enti preposti, la realizzazione di Vasche di Accumulo dell’Acqua ad uso Irriguo, lungo gli assi dei fiumi Neto e Tacina, al fine di favorire un rilancio ed una ripresa delle attività agricole, piccole, medie e grandi.

  • Marchi IGP e DOP e Comunale dell’Olio di Oliva:

E’ assolutamente necessario spenderci Tutti, Amministrazione Comunale, Imprenditori Olivicoli e Piccoli Proprietari, per promuovere il Marchio di Riconoscimento Geografico IGP, il Marchio di Protezione DOP e il Marchio Comunale Olio di Cotronei, i quali, creando un legame forte e inconfutabile tra il Prodotto (l’Olio di Oliva) e il Territorio di Produzione (Cotronei, Collina, Area Salubre ecc.), inevitabilmente, favoriscono la penetrazione del nostro prodotto di qualità nei mercati nazionali e internazionali, promuovendo anche il territorio, le sue qualità e le sue eccellenze.

  • Consorzio dei Piccoli Produttori:

E’ quanto mai necessario e non solo opportuno, sollecitare, favorire, promuovere e sostenere un Consorzio dei Piccoli Produttori di Olio, il quale, intercettando i vari finanziamenti dedicati, Regionali, Nazionali e Comunitari, potrà essere occasione di sviluppo, di maggiore tutela del loro prodotto sia in termini di qualità che di valore, di creazione di nuovi posti di lavoro (ad es. vendita via Web), di promozione e marketing del nostro territorio e delle nostre tradizioni olivicole, di valorizzazione del Premio Città di Cotronei sull’Olio do Oliva, di istituzione di una Fiera dell’Olio di Oliva a carattere Regionale/Nazionale, con presenze di grossisti, chef, titolari di ristoranti, ecc., finalizzata alla promozione e alla vendita dello stesso nei grandi mercati nazionali e internazionali.

  • Le Vie dell’Olio:

Realizzazione di Itinerari Storico Culturali le “Vie dell’Olio” (in parte già esistenti lungo le strade interpoderali da sistemare opportunamente) Comuni, Rivioti, Prato, Misurachella, Spartini, Liffi, Piano di Mezzo, ecc., con visita finale al Museo dell’Olio d’Oliva. Il Tutto finalizzato, oltre, che alla promozione e vendita del prodotto, anche ad entrare in circuiti virtuosi quali quelli delle Visite Scolastiche (le Fattorie Didattiche), delle Gite della Terza Età, dei Viaggi Culturali ed Eno-Gastronomici di Circoli Aziendali, ecc., tutte occasioni di marketing, di pubblicità e business. 

  • Museo dell’Olio d’Oliva:

Da istituire, verosimilmente, nella Macina Verga, opportunamente, recuperata, ristrutturata ed adeguata, al fine di restituire al nostro territorio una Memoria Storica abbastanza dimenticata ed in ombra, attraverso l’esposizione di Vecchi Attrezzi da Lavoro, Foto, Filmati, ecc. ed anche un luogo per la promozione e valorizzazione del nostro territorio, attraverso la visita ma anche attraverso la degustazione del nostro Olio d’Oliva e, magari, l’acquisto dello stesso e, per terminare, pranzo/cena ed eventuale pernottamento, presso uno dei nostri tantissimi Ristoratori/Albergatori di Cotronei Centro e/o di Trepidò.

 

Valore aggiunto e sinergico di tutto ciò, dovrà essere una ritrovata e rinnovata capacità collaborativa tra i vari operatori del Territorio e cioè Produttori Oleari, Ristoratori, Albergatori, ciascuno interessato, ovviamente, al proprio ritorno economica ma, tutti consapevoli che lo stesso passa dal rilancio del nostro Territorio, dalla capacità di valorizzarlo, per creare nuove occasioni di economia diffusa  e nuove opportunità professionali, lavorative e di reddito per operatori di settori solo apparentemente diversi e lontani, ma in realtà legati l’uno all’altro nella sfida che le nuove economie e che i tempi nuovi che stiamo vivendo ci impongono (Produttori Oleari, Ristoratori, Albergatori, Guide Turistiche, Esperti di Olio, Camerieri, Interpreti, ecc.). E’ tempo di accogliere le sfide che i tempi moderni ci impongono, lasciandoci alla spalle l’isolamento in cui ciascuno ha operato, lavorato, per avviarci con convinzione e consapevolezza, verso modalità imprenditoriali e lavorative improntate alla collaborazione e alla sinergia, in cui, ciascuno per la propria parte è interessato non solo al suo segmento della filiera ma che tutta la filiera proceda e progredisca. Dobbiamo lasciarci alle spalle la diffidenza e l’IO che ha caratterizzato gli ultimi 30 anni per addivenire al NOI in prospettiva di sincera e leale collaborazione. Il Comune non mancherà di fare la Sua Parte.

 

 

POLITICHE SOCIALI E DELL’ INCLUSIONE

 

Nel nostro contesto territoriale meridionale e ancor più crotonese, economicamente depresso e socialmente debole e mortificato da ragioni ataviche, oggi, in piena pandemia per Covid-19, assistiamo quotidianamente ad un ulteriore e ineluttabile indebolimento dello stesso. Cotronei, pur nella sua unicità economica rispetto ad altre realtà comprensoriali, sotto tantissimi aspetti non è da meno, anzi……..; Fenomeni di marginalità e disagio sociale, una fortissima apatia generale e, soprattutto, delle giovani generazioni, il disincanto e la disillusione di tantissime persone, in passato, invece, impegnate a beneficio della collettività, ecc., dilagano anche nella nostra comunità, caratterizzata , sempre più, dalla mancanza di senso civico e dalla mancanza di rispetto del bene comune e delle regole del normale vivere civile. In un siffatto contesto, ovviamente i primi ad essere colpiti sono gli strati più deboli del tessuto sociale, dal quale emergono “Nuovi Bisogni” che richiedono “Nuove Risposte ”, capaci di rimettere al centro l’essere umano e la dignità della persona. Urge dunque dar vita ad un Sistema di Politiche Sociali Nuovo, Multidisciplinare, Inclusivo e Più Snello, capace di raccogliere e risolvere le sfide che i tempi moderni ci pongono di fronte, in sinergia e stretta collaborazione con gli Enti Sub Comunali preposti, COPROS, Distretto Socio-Assistenziale, ecc.

  • Cultura della Solidarietà:

È assolutamente necessario implementare la Cultura della Solidarietà, comunque, già ben radicata e presente nel nostro Comune. Tantissime sono le Associazioni di Volontariato (AVIS, AIDO, ANTEAS, CROCE ROSSA, UNITALSI, ecc.) e numerosissimi sono i nostri Concittadini in esse impegnati. Al fine di favorire una loro maggiore capacità penetrativa nelle pieghe del disagio e delle difficoltà, è nostra precisa intenzione spenderci al loro fianco e lavorare in stretta sinergia, sostenerle e valorizzarle, innanzitutto allocandole nel pieno centro urbano, ossia nei locali ricavati dalla sopraelevazione dei locali commerciali di Piazza della Solidarietà  (edicola, bar, ecc.), la qual cosa, siamo convinti, oltre a dare pienezza di contenuti alla Piazza che si richiama, per l’appunto alla Solidarietà, costituirà anche un presidio permanente di altruismo e di vicinanza al prossimo nel pieno centro cittadino.

  • Sostegno alla Famiglia nelle sue varie articolazioni:

La famiglia, nucleo essenziale su cui è basata la nostra società, è il primo luogo in cui i disagi e i problemi del mondo esterno si catapultano e si riversano. È necessario, dunque, rafforzarla, sostenerla, integrarla, al fine di eliminare in radice i rischi e i pericoli emarginativi, soprattutto nei contesti di maggiore difficoltà e disagio. Possiamo e dobbiamo mettere in campo nel nostro Comune, Strumenti e Iniziative capaci veramente, con la loro presenza permanente e non solo estemporanea e periodica, in stretta collaborazione con la Chiesa, con le Scuole, con le Associazioni di Volontariato, di dare sostegno e aiuto, concreto, reale e non solo materiale, ai vari bisogni delle Famiglie in difficoltà:

  • Consultorio Familiare;
  • Osservatorio Sociale;
  • Centro di Mediazione dei Conflitti;
  • Sportello Amico e dell’Ascolto;
  • Sportello dei Migranti;
  • Sportello delle Donne;
  • Sportello dei Minori;
  • Sportello degli Anziani;

Tutti Strumenti Utilissimi, a patto di essere guidati da personale specializzato e competente,  i quali, nella piena collaborazione con gli altri Enti preposti, ASL, COPROS, DISTRETTO SOCIALE, ecc., ciascuno dei quali dovrà fare la sua parte, in una logica nuova e più incisiva, saranno finalizzati a recepire esigenze, istanze, difficoltà, problemi, ecc. ma  anche ad elaborare strategie, proporre soluzioni e iniziative, ecc. che l’Amministrazione Comunale saprà tradurre in Atti e Attività Amministrative.

  • Servizio Navetta Cotronei-SGC 107 Località Campo Denaro:

Sempre nel quadro di migliorare la qualità della vita della nostra comunità e, nello specifico, di toglierla quanto più possibile dall’isolamento tipico delle realtà dell’entroterra ma, anche e soprattutto, per rispondere alle esigenze, sempre più impellenti, di Mobilità, soprattutto, dei Giovani, in particolare Studenti ma non solo, degli Anziani, ecc., ci attiveremo in collaborazione con le Società preposte al traporto pubblico e/o con Privati impegnati nel settore, per la realizzazione di un Servizio Navetta di collegamento tra Cotronei e la Località Campo Denaro sulla SGC 107, dove sostano gli Autobus in transito sulla tratta Crotone/Cosenza e, ovviamente, in coincidenza e a ridosso di tali soste.

Tantissimi e innegabili, sarebbero i vantaggi per tutti noi cittadini di Cotronei che, in tal modo, avremo, non solo facilitate, ma anche notevolmente ampliate le possibilità di spostamento sia per e da Crotone e sia per e da San Giovanni in Fiore/Cosenza, in una ampia fascia oraria, considerato che dalle h. 6.30 del mattino fino alle h. 21.00 della sera, transitano diversi Autobus, sia in un senso che nell’altro.   

  • Registro dei Tumori:

In virtù della estrema delicatezza dell’argomento, considerate le tipologie produttive industriali “pesanti” insediate nel nostro territorio, mai bonificato, siamo convinti che l’istituzione del registro tumori nella nostra comunità, sia non solo utile ma di alta civiltà istituzionale. Come è avvenuto in tantissimi altri territori italiani, la costituzione del Registro Tumori costituirà anche per Cotronei, il cardine della sorveglianza, la base scientifica per studiare e approfondire l’incidenza dei tumori nell’area, decodificare il rischio di crisi ambientale, pubblicando report e inviandone copia gratuita ad ogni cittadino, monitorando l’andamento nel tempo delle diverse neoplasie e della sopravvivenza dei cittadini. La qualità e la quantità delle informazioni, opportunamente condivise, serviranno alla sanità pubblica per individuare le priorità tra le azioni efficaci che possono ridurre i rischi, ai clinici per migliorare la gestione della malattia, a chi deve decidere delle politiche per la salute, ai manager e anche ai media per controllare le informazioni. Il tutto attraverso un Atto di Indirizzo da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale.

  • Attività di Sostegno delle nostre Realtà Socio-Assistenziali e Sanitarie:

Potrà sembrare strano, scontato, non proprio pertinente come argomento del programma amministrativo di una compagine che si propone di guidare la comunità in cui vive (come pure qualcuno ha commentato) ma, essendo tali Realtà, parte centrale ed importantissima per Cotronei, sia sotto il profilo economico che sociale,  ci sembra doveroso, semplicemente ribadire il nostro pieno, totale ed incondizionato sostegno a tali Realtà, assicurando la creazione delle precondizioni, giuridico-amministrative e tecniche, affinché le stesse possano operare in tranquillità e serenità, a totale beneficio della nostra comunità.

 

 

TURISMO E PROMOZIONE DELLE NOSTRE BELLEZZE

 

È innegabile che da sempre accarezziamo il sogno dello Sviluppo Turistico ed anzi per molto tempo lo abbiamo sentito quasi realizzato, così come è altrettanto innegabile che oggi, anzi ormai, da qualche anno, abbiamo aperto gli occhi e realizzato che solo di sogno si è trattato e che la realtà fattuale è ben diversa. E allora che fare? Rinunciare? Abbandonare? Con una battuta potremmo dire: “neanche per Sogno”. E allora rimbocchiamoci le maniche e riprendiamo a lavorare per la realizzazione di un progetto di Rilancio del Turismo nella nostra Amatissima Trepidò, senza voli pindarici, ma rimanendo con i piedi per terra e dotandoci di strumenti concreti e realmente sfruttabili.

  • Delegazione di Governo a Trepido’:

           Insediamento nella Frazione di Trepidò di una “Delegazione di Governo” con un

           Consigliere Comunale con competenze e delega specifica alla  “Questione Trepi-

           Do e della Montagna”,  supportato dal necessario personale ( amministrativi, Vi-

           gili,ecc.) e finalizzato al superamento dell’attuale stato di degrado e di abbando-

           no, in sinergia con  tutte le  realtà  economico – sociali che  insistono, operano e

           vivono la nostra montagna.

  • Allungamento della Stagione Turistica con Tornei Sportivi Fuori Stagione:

E’ cosa nota che intorno ai Giovani/Giovanissimi Sportivi , di ogni disciplina, si muovono importanti interessi professionali (aspirazione a che gli stessi, uno o più, sfondino e facciano carriera da professionisti) ma anche notevolissimi interessi ed entusiasmi delle loro famiglie che, al loro seguito, durante i 5/6 giorni di durata della loro permanenza in una determinata località, per un dato evento sportivo, vi risiedono e godono, oltre che delle prestazioni dei loro giovani atleti, anche  delle bellezze dei posti, delle ricchezze enogastronomiche e, in virtù di ciò, consentono di allungare la stagione turistica e di fare non solo economia ma anche marketing e promozione del Territorio. In questa prospettiva, considerata l’esistenza a Trepidò (Villagio Baffa) e a Cotronei (Centro) di 2 Campi Sportivi di altissimo livello e, considerata, altresì, la presenza di importantissime Strutture Ricettive, riteniamo di dover assolutamente sfruttare questa pre-condizione, organizzando in collaborazione con gli Operatori Turistici, con le Associazioni della Montagna, con le Società Sportive Cittadine e con gli Sponsor, magari con il patrocinio della Provincia di Crotone e della Regione Calabria:  

  • Torneo Interregionale Giovanile Di Calcio ad es. a Giugno o Settembre;
  • Torneo Interregionale Giovanile di Pallavolo ad es. a Settembre o Giugno.
  • Riqualificazione del Patrimonio Edilizio e Rivalorizzazione dello stesso:

È innegabile che Trepidò e, in generale, tutta la nostra Sila dispone di un Patrimonio Immobiliare/Abitativo notevolissimo che, conseguentemente alla caduta delle presenze di turisti ma, anche, di semplici proprietari di seconde case, sempre più importante negli ultimi anni, ha fortemente decrementato il Valore Economico e Commerciale dello Stesso. Dobbiamo assolutamente cambiare rotta e dobbiamo farlo subito, attraverso la collaborazione dei vari Soggetti Interessati al “Prodotto Sila” e dunque Comune, Operatori Turistici, Associazioni, ecc. Immediatamente dobbiamo ripristinare a Trepidò un Presidio Medico/Sanitario degno di questo nome, dobbiamo ripristinare Presidi di tutela e Sicurezza del Cittadino e dunque, una Caserma dei CC, un Presidio dei VVFF che, seppure solo stagionali, contribuiranno fortemente al rilancio della nostra montagna e soprattutto dobbiamo ridiventare attrattivi e competitivi, mettendo ad es. sul mercato, a prezzi contenuti, le tantissime abitazioni inutilizzate che, opportunamente pubblicizzate e sostenute, di sicuro attireranno l’attenzione di tantissima gente.

  • Agenzia per la messa in rete delle Disponibilità Abitative:

Creando un’apposita Agenzia finalizzata ad occuparsi della gestione di una Rete

di Abitazioni messe in disponibilità dai  proprietari  a fronte  di un reddito, oltre

che dei servizi annessi e connessi (escursioni, Tornei  di  Carte, Giornate al Lago,

Serate danzanti, Serate di Degustazioni, ecc.), siamo convinti che si potrà creare

un sistema virtuoso a beneficio soprattutto  a beneficio del rilancio della nostra

bellissima montagna che potrà tornare ad essere attrattiva per tutti e soprattut

to per quei cittadini rientranti nella cd Terza Età che,avendo molto tempo libero

ovviamente a  prezzi  contenuti  e competitivi, potrebbero  fruire di  una media-

lunga residenzialità in Sila.

  • Promozione del Turismo Invernale:

E’ un altro segmento del Settore Turistico di notevolissima importanza, per il quale l’Amministrazione Comunale, intende spendersi sia sotto il profilo promozionale del marketing esterno (Partecipazioni a Fiere, Workshop, ecc.) sia sotto il profilo promozionale dello sviluppo di questa Pratica Sportiva per i nostri residenti, ad es. realizzando con gli Operatori Turistici variamente impegnati nel settore (Impianti di Risalita, Noleggio Sci, Scuole Sci, Ristorazione, Acquisto di Attrezzature, ecc.) convenzioni finalizzate a facilitare l’approccio dei Cittadini di Cotronei.

 

 

  • Promozione del Turismo Scolastico:

Altro segmento importantissimo e in notevole espansione prima della pandemia per Covid-19. Di sicuro, passata questa bruttissima fase, ci riapproprieremo di tutte le nostre precedenti attività e tra queste, i viaggi, il turismo la faranno da padroni. Sicché non possiamo farci trovare impreparati, fin da subito, dobbiamo lavorare con gli operatori turistici per essere attrattivi per quante più scolaresche possibili che, appunto, in Gita Scolastica, pernottando nelle Strutture di Trepidò, in quanto baricentriche, potrebbero godere di bellezze inestimabili (I Laghi, il Parco, S. Giovanni in Fiore, Santa Severina, Taverna, Catanzaro, Cosenza, ecc.).

 

 

 

 

CULTURA ED EVENTI CULTURALI

 

  • Festa dei Rioni Storici:

Siamo convinti che il recupero di questi luoghi straordinari (Gria, Carmine e Suttataverna) che, per molti cittadini, sono anche i luoghi dell’infanzia, passa non solo dal recupero architettonico e urbanistico, ma anche e soprattutto dal recupero della memoria e dell’orgoglio.  Al fine di addivenire ad una ritrovata consapevolezza della straordinaria bellezza e delle enormi potenzialità di questi luoghi meravigliosi, promuoveremo una Due Giorni di Festa dei Rioni Storici con annessa Notte Bianca, con canti, balli, gestiti essenzialmente , anche nell’aspetto organizzativo, tramite risorse e talenti locali, nonché, degustazione di prodotti tipici e della nostra tradizione (“pane abbrustulitu cu uegghiu casaluru”, “mmitu”, “pane inchiuto cu patate e piparuegni” “crustuli” “muccerrati” “pitte cu passule”, ecc.).

  • Festival Interregionale del Teatro Amatoriale Dialettale:

Stagione Teatrale impostata col Format del Concorso a Premi in Soldi e un minimo di rimborso spese, finalizzato ad accogliere nel Nostro Teatro le Compagnie Amatoriali Dialettali, che si contenderanno il “Premio Teatrale Città di Cotronei”, memori del vecchio adagio scritto sopra il palco del nostro Cinema/Teatro  e che la cultura della massificazione e dell’oblio, imperante da moltissimi anni, ha, purtroppo, inesorabilmente, cancellato (ma non dalla memoria di Tutti) “Quiescendo Discitur ……… Guardando si Impara”.

 

 

  • Festival Interregionale del Teatro Amatoriale Greco:

Con la stessa formula, si può allargare l’offerta culturale teatrale al meraviglioso mondo della Tragedia Greca, portando a Cotronei, tramite i giusti cultori della materia che, per fortuna, non ci mancano, una elevatissima forma di Teatro e di Fine Cultura.

  • I Venerdì Culturali della Riflessione:

Organizzeremo, di concerto con tutte le realtà di Cotronei, Scuole, Chiesa, Strutture Socio-Sanitarie, Associazioni, Professionisti, Imprenditori ecc., 10/12 Venerdì Culturali della Riflessione (verosimilmente da Novembre a Marzo), in cui ospiteremo Ordini Professionali, Cattedratici, Conferenzieri, Medici, Insegnanti, Artisti, Associazioni di Categorie, ecc. con i quali rifletteremo su Tematiche Contemporanee e non solo, secondo un calendario che costruiremo dal basso e tutti insieme.

  • Attivazione della Biblioteca e Mediateca Comunale:

Un’altra ferita e un’altra assenza pesantissima di cui tutti noi paghiamo e pagheremo in futuro ancora di più costi elevatissimi, se non interveniamo subito e con determinazione per la sua istituzione. Anche in questo settore non ci mancano le risorse umane e i cervelli che dovremo saper coinvolgere e impegnare, nell’ottica del Noi e della Collaborazione stretta tra Amministratori ed Amministrati.

 

 

SPORT E ATTIVITA’ SPORTIVE

 

Altro importantissimo settore, per la verità non sempre considerato adeguatamente, in quanto ritenuto solo ludico e gioviale e non in quanto anche attività produttiva, capace, cioè da un lato di favorire la crescita sana, rispettosa delle regole e dei valori, nonché la crescita equilibrata delle nostre giovani generazioni e, dall’altro, di generare anche economia, è il Settore dello Sport e delle Attività Sportive in genere. È nostro preciso impegno essere vicini alle Attività Sportive che nelle loro varie articolazioni impegnano tantissimi nostri concittadini: Calcio, Tennis, Pallavolo, Bocce per citare le più importanti. Sicché, sosterremo con convinzione queste importantissime attività sportive ed al contempo, ci spenderemo per la realizzazione di ulteriori momenti di carattere sportivo che potrebbero avere anche risvolti economici ed occupazionali per il nostro territorio, tra cui:

 

  • Torneo Interregionale Giovanile Di Calcio tra Trepidò e Cotronei ad es. nel mese di Giugno o Settembre per anticipare o prolungare la Stagione Turistica;
  • Torneo Interregionale Giovanile di Pallavolo tra Trepidò e Cotronei ad es. nel mese di Settembre o Giugno per allungare o anticipare la Stagione Turistica;
  • Torneo Interprovinciale o Interregionale di Tennis, per dare opportuno sostegno a questo nobilissimo sport che a Cotronei ha molti praticanti, ad es. nel mese di Aprile;
  • Torneo Comunale di Bocce, per dare opportuno sostegno anche a questo nobilissimo sport che a Cotronei ha molti praticanti, ad es. nel mese di Marzo, finalizzandolo verosimilmente alla selezione di una o due Squadre da sostenere in Tornei Provinciali e/o Regionali che, se del caso e a tempo debito, potrebbero essere anche ospitati a Cotronei.

 

Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω Ω

 

 

Questo il Nostro Programma Amministrativo, che consideriamo APERTO E IN CONTINUO AGGIORNAMENTO.

Le Questioni che riguardano Cotronei, i Temi da affrontare sono tantissimi e sempre in continua evoluzione, ragion per cui, oltre ad assumere l’impegno per un costante confronto con i cittadini, le associazioni, gli imprenditori, i professionisti, ecc. non possiamo che offrire alla comunità un Programma Aperto, sia sotto il profilo delle questioni da trattare che sotto il profilo delle idee, dei suggerimenti, delle proposte che possono e devono arrivare in qualsiasi momento da chiunque.

Convinti assertori della democrazia partecipata, convinti sostenitori della libertà dell’uomo che, proprio in virtù di ciò deve essere soggetto attivo e propositivo e mai strumento o oggetto di potere, confidiamo ed aspettiamo il contributo di Tutti, per rendere migliore, più bella, vivibile, partecipata e democratica la nostra comunità. Dunque “senza se e senza ma”:

 

 

CAMBIAMOCOTRONEI……

     .….. se non ora, quando!!!

 

 

 

 

 

ELEZIONI AMMINISTRATIVE

COTRONEI (KR) 3-4 OTTOBRE 2021

 

 

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

 

Candidato a Sindaco

Avv. Francesco A. TEDESCO

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.