Comunicato stampa

th

La soluzione più facile è sempre la stessa. Collocare tutti in un luogo fisico, magari grande e bello, ma lontano dagli occhi e dalle paure della gente. Una soluzione semplice, banale, inutile. Il Governatore delle Misericordie sostiene che: «L’accoglienza diffusa crea una presenza tangibile dei migranti e gli abitanti dei quartieri lo vivono come un problema, hanno la percezione di essere invasi: una situazione che può provocare risentimenti e rabbia».

L’affermazione del Governatore delle Misoricordie non rimane isolata nella storia e nel nostro quotidiano.

L’idea delle grandi strutture che accoglievano malati psichiatrici, tossicodipendenti, minori in difficoltà, disabili e altro hanno contraddistinto periodi tristi e opinabili delle politiche sociali.

Vogliamo ribadire il nostro essere contro queste politiche di aiuto e di accoglienza.

Creare luoghi dove vengono concentrati numeri grossi di persone è sempre stato sbagliato. Questi luoghi, per quanto dignitosi vogliono apparire, negano la dignità della persona, negano l’esaltazione del singolo e delle potenzialità individuali mentre, d’altro canto, potenzia le identità di gruppo, il risentimento e la rabbia. Questo si pericoloso.

La storia ha insegnato, da sempre, che il popolo sa come creare le condizioni di incontro e di confronto con le diversità. Il problema si crea quando gli amministratori si muovono in maniera funzionale nell’ascoltare minoranze rumorose, rabbiose e razziste creando situazioni di paura e conflitto.

L’accoglienza diffusa è la soluzione vincente, per tutte le categorie di svantaggiati; i piccoli centri di accoglienza per migranti non potranno fare altro che creare punti di incontro con la popolazione autoctona, stimolando sinergie, che possono avere anche valenze economiche e sconfiggeranno la diffidenza, le paure ed il razzismo.

Coop. Soc Agorà Kroton

Arci N.A.

Coop. Baobab

Prociv di Isola Capo Rizzuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.