Canzuni d’amuri di Roccu u Jancu

Sul numero 139 di «Cotroneinforma» (ottobre 2019) sono apparsi due canti di sdegno di Roccu Pulitanò (Casignana 1866- Caraffa 1955) detto U jancu, un poeta tra i più sottili della Calabria contadina; proseguiamo l’indagine sulla sua poesia spostando il fuoco sui temi amorosi e utilizzando una composizione a lui attribuita che ci è stata regalata da Domenico Catanzariti di Platì, con due nostre modifiche per accordare il senso di alcuni versi.
Partiamo dalla poesia attribuita:

Sempri t’eppi ‘ntall’occhi, t’eppi e t’aju,
e di li cosi toi, sempri ‘cchiù spiju.
‘A ‘ndinocchjuni cercandu ti vaju,
e quandu dormu sempri ti disiju.
Comu cani ‘rraggiatu pè ‘ttia abbaju,
e pe la pena sempri jocu e sbiju,
è tantu grandi l’amuri chi t’haju
ca mi dispiaci quandu non ti viju.

Non ci sono elementi lessicali da sottolineare se non il verbo spiju (domando) che chiude il primo. Qui c’è una sostituzione semantica: «domandare» recede dall’uso e viene sostituito con spiari, per la naturale diffidenza calabro-sicula (Camilleri ha connotato spesso la sua prosa sicilianofona con questa particolarità lessicale) a rispondere alle domande altrui in quanto qualunque risposta potrebbe essere utilizzata in una indagine, onde il rispondente avrebbe fatto la figura dello spione.
Gli esempi che seguono sono tratti dalla plaquette, Roccu “u Jancu” 150 anni dopo (Ardore 2016), allestita dai discendenti del poeta per celebrare il 150 genetliaco.

O Rosa chi nescisti nta lu mbernu
Tu non amari ad autru ca mi dannu.
Comu rosa nta lu pettu ti tegnu
Senza nessuna macula d’ingannu
Eu vinni mi ti cantu e su cuntentu
Non vorsi ambasciaturi mi ti mandu
E pe rispettu di cu porta mpegnu
Dev’esseri la mia prima dill’annu (p. 26)

In apertura c’è una pregevole metafora, l’amata come «rosa nata in inverno» e perciò rarissima, e un latinismo niente male al 4° verso, macula per «macchia»; segue il vanto del poeta, nell’allitterato inizio del secondo piede, di non avere bisogno, grazie al suo canto diretto, di intermediari per comunicare il suo amore: Eu vinni mi ti cantu e su cuntentu / non vorsi ambasciaturi mi ti mandu.
Il tema della rosa ritorna, assieme a quello del giardino d’amore, in altri versi:

Di rosi e rosi mi ndavia a vestiri
Pacchì di Rosa sugnu ‘nnamuratu.
Di rosi fari cammari e cortili
Di oru fari nu vascellu armatu.
Di rosi fari na scala gentili:
Lla supra ‘nchian’eu lu sbenturatu.
E si la scala cca veni a falliri:
Rosa lu ciangi tu lu me’ peccatu.(p. 24)

C’è qui una alternata anafora di fiori (rosi) e Rosa (nome proprio dell’amata) che coinvolge quasi ogni verso: interessante la metafora della scala di rose (di rosi fari na scala gentili) con riferimento all’impresa d’amore di salirci sopra; chi vi osa è uno sventurato perché essa è traballante e rischia di rompersi (falliri); sta all’amata consolidare quella scala se non vuole portare la responsabilità del fallimento.

Si voi figghjola pammi ndi amamu
Venitindi nu jornu a lu giardinu.
Lla ncesti ‘n’arburellu e ndi ppojamu
Carricatu d’argentu e d’oru finu
No mmi ti nesci mi llonghi la manu
Si non avimu la licenza primu.
No mmi hacimu comu hici Adamu
Ci pe nu pumu persi lu giardinu

Qui troviamo una delicatezza di sentire che fa pensare ad un inversione dei ruoli dell’amore cortese, su cui è modellato quello contadino: non è la donna che invita l’uomo ad essere prudente ma è lui che, intenzionato solo alla vicinanza sine tactu per ragionare d’amore mentre stanno coricati (ndi ppojamu) all’ombra di un alberello, teme che sia la donna a prendere l’iniziativa (No mmu ti nesci mi llonghi la manu, non te ne uscire con l’allungata di mano) prima che ci sia l’autorizzazione sociale alla commistione delle carni. Ove ciò avvenga si corre il rischio di fare la fine di Adamo che per una mela (pe nu pumu) ha perso il paradiso terrestre (persi lu giardinu).
L’eccezionalità della propria donna, di cui non se trova uguale mancu si l’universu si currija/ neanche se si gira tutto l’universo (Currija è verbo importante che deriva da Currijari variante di firriari, andare per fiere), ritorna ne La megghiu gioventù ove il poeta promette adorazione quotidiana e religiosa (v’adoru comu santa jornu e sira).

La megghiu gioventù esti a Bagnara
Li schigghitani cu Santa Cristina.
Ma una comu a vvui nessunu agguala
Mancu si l’universu si currija.
Nta la casa vi tèninu pe dama
Vi tèninu com’aquila divina,
e si vi levu eu vi tegnu cara
Vi aduru comu santa jornu e sira.

Chiudiamo con un piede caudato in cui dominano ludiche assonanze onomastiche intorno all’amante scisso fra due amori, Rosa e Teresa, che si sono succeduti nel dominio dei suoi sentimenti:

È veru ca si vogghiu beni a Rosa,
ma lu cchiù beni meu esti Teresa
li chiavi di stu pettu l’ebbi Rosa
ora passaru a manu di Teresa
nta nu bellu giardinu staci Rosa,
nta nu bellu palazzu sta Teresa.

Giuseppe Mario Tripodi

Tratto da: Cotroneinforma n.141

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.